lunedì 18 gennaio 2021

ART FOR UBI. Il manifesto in italiano



Germogliato di una scrittura collettiva, ripubblichiamo qui Art for UBI Manifesto – 1, promosso a livello internazionale dall’Institute of Radical Imagination. "Il reddito di base universale ed incondizionato (UBI) è la migliore misura per il settore artistico e culturale. Al tempo stesso, i lavoratori e le lavoratrici dell’arte chiedono il reddito di base non solo per sé stess*, ma per tutt*."

Orientarci verso il reddito per tutt^ ci sembra il movimento da mettere in atto: uscire dalla logica dell'emergenza e iniziare a cambiare i sistemi, a inventare nuovi modelli. Dopo anni di austerity e di definanziamento, arriveranno molte risorse, su un sistema strutturalmente carente e che produce disuguaglianze: reddito per precar^/intermittent^ e ripensare le istituzioni artistiche. I corpi di tutt^, il diritto al benessere e alla fragilità, l'agibilità dello spazio pubblico e nuove istituzioni culturali sono i temi che vogliamo affrontare, da subito.
Alleanze e corpi multipli.


Click here for english

1/ Il reddito di base universale ed incondizionato (UBI) è la migliore misura per il settore artistico e culturale. Al tempo stesso, i lavoratori e le lavoratrici dell’arte chiedono il reddito di base non solo per sé stess*, ma per tutt*.

2/ Tutte quelle misure che non raggiungono un salario di sussistenza, non sono definibili come UBI. Questo deve superare la soglia di povertà. Per eliminare la miseria, l’UBI deve corrispondere, almeno, al salario minimo di uno Stato o di una regione.

3/ L’UBI libera tempo e ci libera dal ricatto del lavoro precario e dalle condizioni di sfruttamento sul lavoro.

4/ L’UBI non è sottoposto a condizioni ed è corrisposto indipendentemente dallo status sociale, dalla performance lavorativa e dalle capacità. Si oppone alla menzogna meritocratica che copre il privilegio di classe.

5/ L’UBI non è un ammortizzatore sociale o una riforma del regime di disoccupazione. È il riconoscimento minimo di quel lavoro invisibile, essenziale per la riproduzione delle vita, lavoro spesso non riconosciuto, ma necessario, come prova il crescente bisogno sociale di cura.

6/ L’UBI chiarisce che il lavoro salariato non è più il solo mezzo di redistribuzione della ricchezza. Anzi, esso è alla base di un modello insostenibile. Salario è un altro nome dello sfruttamento delle lavoratrici e dei lavoratori che ricevono meno di quanto danno.

7/ Le prospettive transfemministe e decoloniali ci insegnano a dire NO a tutte forme di sfruttamento invisibili ed estrattive, specialmente alle condizioni di precarietà tipiche del mercato e del lavoro artistico.

8/ L’UBI afferma il diritto all’intermittenza, alla privacy, all’autonomia, il diritto di rimanere offline e di non essere reperibili 24/7.

9/ Distribuendo ricchezza senza obblighi burocratici, l’UBI rifiuta la struttura piramidale dei finanziamenti e del complesso industriale del non-profit culturale. La burocrazia è il vampiro delle energie delle lavoratrici e dei lavoratori dell’arte. È ciò che le/li trasforma in imprenditori del sé stess*.

10/ Pretendendo l’UBI, le lavoratrici ed i lavoratori dell’arte non difendono una corporazione o una categoria. Al contrario, ess* intaccano il ruolo che classe e privilegio svolgono nella percezione dell’arte. L’UBI è universale Perché è per tutt* e permette a tutt* agibilità creativa

11/ La salute dell’arte è direttamente collegata ad un tessuto sociale in salute. Chiedere l’UBI e praticare un’etica della cura reciproca sono i più potenti gesti di cura nei confronti della società che lavoratrici e lavoratori dell’arte potrebbero fare.

12/ Interrompendo la logica della sovrapproduzione, l’UBI ci libera dai modi presenti della produzione capitalistica e dai loro effetti nocivi sul pianeta. L’UBI è una tecnica cosmogenetica ed un mezzo per ottenere giustizia climatica.

13/ Dove trovare i soldi per un reddito di base? L’UBI mette in discussione l’attuale sistema fiscale europeo e non solo. L’UBI è uno strumento che ci permette di ripensare le transazioni finanziarie, l’estrattivismo delle piattaforme digitali, la liquidità ed il debito. Nessun servizio pubblico deve essere tagliato per implementare l’UBI.

14 L’UBI ispira molti collettivi artistici e molte comunità a testare diversi strumenti per una redistribuzione più equa di risorse e ricchezza: a partire da sistemi autogestiti di mutuo soccorso basati sulla collettivizzazione dei guadagni, fino a soluzioni temporanee per liberare i lavoratori cognitivi dai vincoli pubblici e privati (e non solo). Vogliamo fare nostre tali sperimentazioni.

SIGNATURES

Individuals

·         Emanuele Braga / Macao, Milan; Institute of Radical Imagination

·         Marco Bravalle / Sale Docks, Venice; Institute of Radical Imagination

·         Gabriella Riccio / L’Asilo, Naples ; Institute of Radical Imagination

·         Ilenia Caleo / Campo Innocente; Incommon – Università IUAV Venezia

·         Anna Rispoli / Artist

·         Maddalena Fragnito / Macao, Milan; Phd at Coventry University

·         Andrea Fumagalli / Effimera; University of Pavia

·         Nicola Capone / Philosopher; L’Asilo, Naples

·         Luigi Coppola / Artist

·         Giuseppe Micciarelli / L’Asilo, Naples, University of Salerno

·         Julio Linares / Economist and Anthropologist; JoinCircles.net

·         Dena Beard / The Lab, San Francisco

·         Manuel Borja-Villel / Museum Director, Madrid

·         Salvo Torre / Professor, member of POE Politics, Ontologies, Ecologies

·         Sara Buraya / L’Internationale; Institute Of Radical Imagination

·         Kuba Szreder / Curator and theorist, Warsaw

·         Dmitry Vilensky / Chto Delat

·         Charles Esche / Director of Van Abbemuseum, Eindhoven

·         Franco Bifo Berardi / Philosopher

·         Gregory Sholette / Artist

·         Zeyno Pekunlu / Artist, Institute of Radical Imagination

·         Anna Daneri / Forum dell’arte contemporanea italiana

·         Massimo Mollona / Goldsmiths’ University of London, Institute of Radical Imagination

·         Jerszy Seymour / Artist and Designer; Sandberg Institute

·         Marco Assennato / Maître de conférences in filosofia, Ecole Nationale Supérieure d’Architecture, Paris-Malaquais

·         Roberto Ciccarelli / Philosopher and journalist

·         Sandro Mezzadra / Philosopher

·         Geert Lovink / Institute of Network Cultures, Amsterdam

·         Alisa Del Re / senior professor Ateneo Patavino

·         Andrea Gropplero / Film Director

·         Giuseppe Allegri / Activist

·         Elena Lasala Palomar / Institute of Radical Imagination

·         Nicolas Martino / Philosopher

·         Ilaria Bussoni / Editor and curator

·         Danilo Correale / Artist

·         Annalisa Sacchi / Incommon – Università IUAV Venezia

·         Giada Cipollone / Incommon – Università IUAV Venezia

·         Stefano Tomassini / Incommon – Università IUAV Venezia

·         Piersandra Di Matteo / Incommon – Università IUAV Venezia

·         Elena Blesa Cabéz / Researcher, Barcelona; Institute of Radical Imagination

·         Jesús Carrillo / Senior Lecturer at the Department of History and Theory of Art Universidad Autónoma de Madrid; Institute of Radical Imagination

·         Pablo García Bachiller / Arquitecto; Institute of Radical Imagination

Organizations

·         Institute of Radical Imagination

·         Il Campo Innocente

·         Macao

·         Sale Docks

·         Chto Delat

·         L’Asilo

·         Euronomade

·         Dirty Art Department Gerrit Rietveld Academie and Dirty Art Foundation

·         Effimera

·         OperaViva Magazine

·         Basic Income Network – Italia

·         Community and Research for Circles UBI

·         Forum d’arte contemporanea

·         Global Project

·         Radio Sherwood

·         Dinamopress

·         AWI Art Workers Italy

·         Maestranze dello Spettacolo Veneto

venerdì 7 agosto 2020

VOCI ALLEATE: Intervento del collettivo EXTRAGARBO Il Campo Innocente | Santarcangelo Festival | 16.07.2020

Descrizione immagine: nella parte destra del riquadro, spostata verso il basso, appare la scritta “ALLA VISIBILITà COME COMPENSO. NO”. La frase è scritta con caratteri neri e maiuscoli. La parola NO è più grande delle altre. Sullo sfondo, in tinte pastello, sfumature di verde, violetto e lilla

Il 16 Luglio a Santarcangelo Festival abbiamo aperto un tavolo di immaginazione [transfemminista] per creare un percorso di autoinchiesta collettivo e capire cosa sta accadendo in era post-pandemica a artist, tecnic, lavorat dell’arte dal vivo. Nell'idea di mappare pratiche, punti di vista, posizionamenti, far emergere ciò che spesso resta invisibile abbiamo invitato altr a prendere parola per moltiplicare ed espandere il più possibile le istanze in campo. Quello che segue è l'intervento del Collettivo EXTRAGARBO


EXTRAGARBO è un collettivo di sei artist* basat* a Venezia che da un anno lavorano insieme fondendo le loro ricerche individuali per intervenire sul reale attraverso uno sguardo attento ai mutamenti. Quest’anno hanno partecipato a Santarcangelo Festival 2050 come  volontar* e come artist*, attraversando la città con delle incursioni performative “fragorose” e creando degli habitat estemporanei come parte del progetto THIS IS YOUR CAPTAIN, HE HE | isole querelas.


L’incontro aperto del Campo Innocente è stato uno spazio prezioso per il nostro collettivo perché ci ha dato l’opportunità di formulare delle questioni delicate e scomode che difficilmente avremmo potuto affrontare in un altro contesto. Abbiamo sentito l’urgenza di mettere in campo queste questioni proprio perché riguardano dinamiche di potere pervasive, sistematiche, di cui siamo tutt* vittime e complici allo stesso tempo.


Prendiamo parola dalla condizione precaria di student*/giovani artist*. L’ambivalenza di questa condizione è data dal fatto che da un lato siamo appetibili e produttori di plusvalore, e dall’altro siamo particolarmente vulnerabili e sfruttabili.

La prima domanda che ci poniamo, di conseguenza, è: 

Quali strumenti ci diamo per dire NO? 

Molto spesso sentiamo il bisogno di dire no, però non abbiamo alternative, e quindi un’altra domanda è:
come ci diamo collettivamente la possibilità di dire NO?

Il problema infatti, è che se dico NO da sol*, me ne assumo da sol* le conseguenze; servirebbe quindi che ci dessimo un metodo collettivo per permetterci di dire NO senza che io ne debba pagare le conseguenze come singol*.


Un’altra domanda che abbiamo sentito l’urgenza di formulare è: come evitiamo di essere complici e di alimentare un sistema che è tutto basato sul lavoro gratuito e/o sottopagato (tirocinio, servizio civile, volontariato)? 

Come facciamo a contrastare questo sistema quando le dinamiche che esso mette in atto condizionano perfino le realtà che ci sono care e alle quali ci sentiamo affini?

Noi stess*, come giovani artist*, nel momento in cui proviamo a mettere in piedi dei progetti da zero, ci troviamo spesso a dover porre come loro prima condizione di esistenza il nostro lavoro gratuito e/o quello di nostr* amic*/collegh* e conoscenze.

Come affermiamo la nostra legittimità come lavorat* dell’arte in una realtà che si regge in gran parte sul lavoro gratuito di tirocinanti e volontar*?

 

A questa considerazione se ne collega un’altra. Infatti ci sembra che in questo momento storico di riapertura post-pandemia, la questione non sia più solamente “Come resistiamo alla retorica della visibilità e della passione?”, ma “Come resistiamo alla stessa retorica della resistenza, della militanza, e della solidarietà?”

Come faccio a dire NO quando il discorso è: “se tu non ci sei, questa cosa non esiste” ? o quando mi viene detto: “c’è bisogno che tu abbassi le tue pretese a livello di condizioni di lavoro perché altrimenti non ce la facciamo”?

 

Tutto questo ci porta a chiederci concretamente: Cosa uscirà da questo incontro? Chi sono l* nostr* alleat*, chi sono l* nostr* referenti? A chi ci rivolgiamo? Come facciamo per delineare una metodologia che porti a una vera resistenza collettiva a questo sistema e che permetti di spostare i parametri del problema? E soprattutto, chi risponderà a tutte queste domande?


lunedì 20 luglio 2020

VOCI ALLEATE: Al Di Qua Artists – Alternative Disability Quality Artists


Descrizione immagine: nella parte alta del riquadro, spostata verso destra, appare la scritta “LA MIA PERFORMANCE è UNA PERFORMANCE, LA MIA VITA. NO”. La frase è scritta con caratteri neri e maiuscoli. La parola NO è più grande delle altre. Sullo sfondo, in tinte pastello, sfumature di azzurro e violetto

Il 16 Luglio a Santarcangelo Festival abbiamo aperto un tavolo di immaginazione [transfemminista] per creare un percorso di autoinchiesta collettivo e capire cosa sta accadendo in era post-pandemica a artist, tecnic, lavorat dell’arte dal vivo. Nell'idea di mappare pratiche, punti di vista, posizionamenti, far emergere ciò che spesso resta invisibile abbiamo invitato altr a prendere parola per moltiplicare ed espandere il più possibile le istanze in campo: Johanne Affricot di GRIOT Italia, piattaforma e collettivo artistico e culturale internazionale che porta alla luce e amplifica le diverse storie e voci dell’Africa, della diaspora africana e altre culture e contaminazioni. Giulia Mengozzi e Amos Cappuccio di Art Workers Italia, un'associazione culturale composta da lavoratrici e lavoratori delle arti contemporanee nata durante l’attuale crisi dovuta alla pandemia e Diana Anselmo e Chiara Bersani di Al Di Qua - Alternative Disability Quality Artists, un gruppo di artist e lavorat dello spettacolo con disabilità. 

QUI è possibile visionare il video dell'incontro.


Siamo convint che razzismo, sessismo, precariato, abilismo, siano tentacoli di un medesimo problema che riguarda tutt, sono condizioni esistenziali che ci attraversano. Prenderne coscienza è la prima apertura per problematizzare le dinamiche escludenti che intossicano il nostro ambiente, sociale e lavorativo. Durante l'incontro il collettivo Al Di Qua - Alternative Disability Quality Artists ha aperto una breccia su quel sistema che disabilita persone, professioni, ambienti, relazioni e sguardi. Qui di seguito condividiamo per complicità e sentita prossimità il loro intervento.


Al Di Qua - Alternative Disability Quality Artists è un gruppo di artist e lavorat dello spettacolo con disabilità nato durante la pandemia globale del 2020 quando ha iniziato a confrontarsi e porsi domande, concedendo alle risposte il tempo della maturazione, a stare nel disaccordo, a scoprirsi molteplici e compless.


________

“Esiste un muro” abbiamo dichiarato “e quindi esistono un Al Di Qua e un Al Di Là”.
Nell’Al Di Qua eravamo monadi solitarie ma ci siamo riunite, abbiamo dato nuovi nomi alle cose, ci alleniamo collettivamente ad essere forza eterogenea e compatta. Cerchiamo insenature nel muro per farlo crollare. Vogliamo contagiare con forza capillare l’Al Di Là, costruire nuovi spazi di possibilità, rileggere i meccanismi di partecipazione, diventare voce nel cuore del dibattito contemporaneo affinché il nostro corpo non sia la prima e ultima cosa che si dica di noi.
Vogliamo che nessun parli mai più a nome nostro! 
Questa è la nostra prima uscita.

Ciao,
come stai?
Noi stiamo bene oggi perché abbiamo finalmente deciso di scriverti. E lo stiamo facendo da molto vicino, dall'Al Di Qua.


Siamo artiste e lavorat dello spettacolo accomunati dall’essere orgogliosamente portatrici di corpi disabilitati.
Non chiederti cosa sia La Disabilità, è la domanda sbagliata!
Chiediti invece Cosa ci rende disabili.
E tu? Cosa ti rende disabile?


Non sono i nostri corpi il problema, non le nostre competenze fisiche, motorie, sensoriali, neurologiche, cognitive. Noi non possiamo più accettare che sotto un unico confortevole termine dal sapore medico-scientifico vengano raccontati e appiattiti i nostri corpi, le nostre storie, le nostre mutevoli identità: non parliamo di disabilità ma di Esperienze Disabilitanti imposte da una società costruita sul modello di quell’unico essere umano occidentale, maschio, bianco, abile, sano, cis, etero.


E voi, vi siete sentite impotenti durante la quarantena?
Che esperienze disabilitanti avete avuto voi? Vi hanno lasciato cicatrici?
Ve le ricordate ancora?
Se Sì, ve ne prendete cura?


Parliamo di quella società che ha creato una scala di valutazione delle abilità, per poi selezionare i corpi e gli stili di vita che avevano diritto ad abitare il mondo, relegando gli altri a specifiche
periferie.
Per noi, per esempio, sono state costruite riserve naturali dove, ci viene detto, potremmo stare bene.


E tu? Pensi che noi ci stiamo bene nelle vostre riserve naturali? 
Ci hai mai chiesto se vogliamo i “progetti inclusivi”? 
Riuscite a notare la differenza tra “dare spazi di autonomia” e “concedere spazi controllati”?


Ci è stato detto che il nostro essere corpi marginalizzati è diverso dalle altre esperienze di minoranza.
Ci è stato insegnato a dire permesso, grazie, scusa.
Ci è stato imposto di non pretendere
C’è sempre stato una specialista, professionisti, artiste a spiegarci chi eravamo e cosa dovevamo fare.


Siete sicure che i “bisogni speciali”, per esempio di comprensione - ascolto - validazione, siano davvero necessità così speciali e non piuttosto di tutte?


Di noi, da sempre, discutono gli abili, e no, qui il maschile non è casuale.
Sui nostri corpi “gli altri” fanno esperimenti, creano visioni, scrivono narrazioni, traggono ispirazioni.


E tu, sei sicuro che sarai abile per sempre?
Siete sicure che le persone accanto a voi, adesso, siano tutte abili?
Siete sicuru di poter riconoscere una persona che subisce esperienze disabilitanti solamente guardandola in faccia?
Siete sicuri che una persona con disabilità nascosta si senta serena nello svelarsi? Perché?
Siete sicure che non subirebbe ritorsioni professionali?
Siete sicuru che quando sarete meno prestanti di adesso, e vi assicuro che accadrà, sareste pronte a rinunciare a lavorare?
Sareste pronti a delegare la vostra vita e le vostre ambizioni alle scelte di altri?
Se vi guardate attorno, quante persone con disabilità vedete in posizione lavorative di direzione/decisione/potere?


Che differenza c’è tra “far sentire una voce” e “appropriarsi di quella voce”?


Stella Young, drammaturga, giornalista e attivista australiana con disabilità morta nel 2014, è stata la prima a dire “I’m not your inspiration”.
Noi ora lo ripetiamo.
Lo moltiplichiamo.
Lo amplifichiamo.
“We are not your inspirations”.
Non siamo qui PER VOI. Siamo qui PER NOI.
Per prendere lo spazio che non ci è mai stato concesso.
Per costruire immaginazioni e non semplicemente alimentarne.
Per prendere parola.
Per creare un precedente a coloro che arriveranno dopo.


Per formarvi.
Per formarci.
Per smettere di essere eccezioni.


Siete sicur che vi aspettavate che ci fossimo anche noi?


Non ti preoccupare, non ci perdiamo di vista.
Ti chiamiamo noi,
presto.

Siate felici,
Al. Di. Qua. Artists


martedì 7 luglio 2020

ABBIAMO UN PROBLEMA



Quant_ collegh_ non bianch_ hai? 

Quant_ curator_ e/o direttor_ non bianch_ conosci? 

Quando sali sul palco, di quante e quali soggettività è composta la platea per cui ti esibisci? 

Abbiamo un problema. 


Come artist_/lavorat_ nell’ambito delle arti performative in Italia, riconosciamo e siamo consapevoli della netta maggioranza bianca che compone il nostro settore, della gravità di questo dato e di quello che comporta. 

 

Posizionandoci come attivamente antirazzist_, non vogliamo e non possiamo ignorare la sistematica mancanza di accesso, inclusione e relazione con lavoratori/trici dello spettacolo ner_ e razzializzat_ nel teatro, nella danza e nelle arti dal vivo in Italia. 

Lo stesso vale per il pubblico: non vogliamo più produrre arte e sistemi relazionali solo per il pubblico di un’elite bianca e benestante.


Violenza, abilismo, sessismo, razzismo, colonialismo, razzismo ambientale, omolesbobitransfobia, binarismo di genere, eterosessualità obbligatoria, precarietà non sono per noi “temi” da tradurre in punteggi – nei bandi, nei progetti, nella programmazione di rassegne e festival, nei dibattiti. Sono le condizioni dentro cui viviamo immers_.

Proprio in quanto soggetti multiformi queer, trans, non binari, donne* e transfemminist_, abbiamo imparato sui nostri corpi che questi sono sistemi interconnessi che agiscono simultaneamente, utilizzando forme di violenza e di dominio affini che si consolidano le une con le altre.


Riconoscendo i benefici e le opportunità che sono derivate e derivano dal nostro privilegio bianco, ci impegniamo attivamente a utilizzarlo per segnalare, identificare, problematizzare e mettere in crisi le dinamiche di sistema razziste ed escludenti che caratterizzano il panorama in cui lavoriamo. 


Consapevoli che le parole non siano sufficienti ma che siano necessarie azioni per mettere in crisi gli assi di privilegio, ci impegniamo a rendere sempre più concreta ed effettiva la nostra postura di complici, decentrando la nostra presenza e sostenendo una ridistribuzione di risorse, opportunità e spazi. 


È necessario e urgente iniziare un lavoro individuale, collettivo e istituzionale di formazione e di presa di coscienza antirazzista e attivamente decoloniale, che troppo spesso è appoggiato (gratuitamente) su chi esperisce queste forma di violenza direttamente sul proprio corpo. 


Vediamo con chiarezza che le lotte antirazziste che si sono attivate in questi mesi agiscono non solo sul piano politico e sociale, ma ridefiniscono e mettono profondamente in discussione l’idea stessa di arte e di cultura come strutture compatte e egemoniche, chiamando in gioco le narrazioni, i linguaggi, gli archivi, le storie, le rappresentazioni, i gesti, le posture, come elementi direttamente politici. 


La rimozione storica del colonialismo italiano riproduce un’identità nazionale problematica costruita sul mito degli “italiani brava gente” attraverso riscritture storiche, omissione di genocidi, topografie delle città, conservazione di monumentalità e musei profondamente coloniali, costruzione della bianchezza e cultura dello stupro etnico, continuando così a nutrire le attuali forme di razzismo, anche istituzionale. Una cultura che legittima e autorizza le politiche migratorie vigenti – in Italia e in Europa – basate sul respingimento e l’esclusione sistemica dai diritti di cittadinanza, anche per chi nasce e/o cresce in Italia. Così il Mediterraneo-frontiera genera morte e il lavoro invisibilizzato – nei campi come nelle case e nel lavoro di cura – nuove forme di schiavismo e sfruttamento.


Ci interroghiamo infine rispetto all’assenza di un posizionamento formale da parte delle istituzioni culturali italiane alla luce delle più recenti mobilitazioni dei movimenti Black Lives Matter, rilevando che il silenzio è di per sé una postura. Razzismo, eredità coloniale e politiche migratorie violente riguardano il presente di questo paese. 


Di seguito abbiamo raccolto e condividiamo una lista (non esaustiva) di link/risorse che ci sembrano utili per iniziare ad aprire un pensiero e una pratica critica su razzismo, arte, privilegio, in una prospettiva di auto-formazione.


[PRIVILEGIO E ALLEANZE]














[CORPI / RAPPRESENTAZIONI / ARTE / DANZA / MUSEI]















[DECOLONIZZARE]





[ECOLOGIE]








[COMPLICITA’ E PRATICHE]








[READING LISTS]









[ALCUNI LIBRI] 


  • Reni Eddo Lodge (2017), Why I’m no longer talking to white people about race

  • Nell Irvin Painter (2010), The History of White People;

  • Edward Said (1978), Orientalismo; 

  • Audre Lorde (2014), Sorella Outsider - gli scritti politici di Audre Lorde; 

  • bell hooks (1998), Elogio del margine - razza, sesso e mercato culturale;

  • Frantz Fanon (1952), Pelle Nera Maschere Bianche;

  • Rachele Borghi (2020), Decolonialità e Privilegio - Pratiche femministe e critica al sistema-mondo;

  • Alok Vaid Menon (2017), Femme in Public;

  • Leila El Houssi; Lucia Ghebreghiorges; Alesa Herero; Esperance H. Ripanti; Djarah Kan; Ndack Mbaye; Marie Moïse; Leaticia Ouedraogo; Angelica Pesarini; Addes Tesfamariam; Wii. - a cura di Igiaba Scego, (2019), Future. Il domani narrato dalle voci di oggi;

  • Sylvia Rivera, Marsha P. Johnson, (prefazione di Ehn Nothing) (2020), S.T.A.R. (Azione Travestite di Strada Rivoluzionarie), Sopravvivenza, Rivolta e Lotta Queer Antagonista;

  • Gloria Anzaldùa, Audre Lorde, Paula Gunn Allen (2013), Senza Riserve, Geografie del Contatto;

  • Gloria Anzaldùa (1987) 2013. Borderlands/ La Frontera: The New Mestiza. 

  • Puar, Jasbir. (2007) Terrorist Assemblages: Homonationalism in Queer Times.

  • Josè Estaban Munoz (2009), Cruising Utopia - The Then and There of Queer Futurity